Giovani atleti e mental coach: il valore dello sport e del capitale umano

9 novembre 2017

Giovani atleti e mental coach questo è un binomio che a prima vista potrebbe lasciare qualche perplessità.

A qualunque livello sportivo il capitale umano rappresentato dalle giovani promesse sta sempre più diventando un fulcro da valorizzare. Ci sono esempi di grandi club, soprattutto nel calcio, che hanno fatto del proprio settore giovanile un vero e proprio business.

Diventare un atleta di successo e allenare la mente

Diventa quindi di grande attualità la questione della gestione del giovane atleta. Per diventare un giocatore di vertice è si necessario avere doti tecniche e fisiche importanti che saranno poi da migliorare nel tempo, ma è altrettanto necessario allenarsi per essere pronti ad affrontare quel marasma che è lo sport professionistico. E allora diventa anche molto importante allenare la mente dei giovani atleti.

In questi giorni si è parlato molto di Donnaruma e dell’esame di maturità ma anche in un recente passato troviamo altri esempi (negativi) di atleti con grande potenziale tecnico, come Balotelli per esempio, al quale non sembra corrispondere un corretto sviluppo del potenziale mentale. Ovviamente ci sono anche esempi di atleti che hanno saputo avere un corretto approccio mentale durante la loro carriera (Dino Zoff, per rimanere in tema).

Il valore dello sport e del capitale umano

Un percorso di mental coaching, da affiancare al percorso formativo fisico – tecnico dei giovani atleti, è di fondamentale importanza per fornire uno strumento vitale per far si che la vita sportiva sia soddisfacente. Non si deve pensare solamente a quei pochi che riescono ad arrivare al professionismo, lo sport anche a livello dilettantistico ha un importante contenuto sociale e relazionale ed è diventato sempre più strumento di formazione.

Un intervento sul singolo atleta, ma anche sui coach e sulle società sportive che si occupano di settore giovanile è di vitale importanza per un’adeguata crescita dei giovani. Lo sport  in tutte le sue componenti, non deve avere come unica finalità la creazione di atleti, ma bensì la formazione di persone.

antiloni

Andrea Anilonti – Business & Sport Coach

Hai trovato interessante l’articolo? Puoi trovare altri contenuti sul sito www.anilonti.it.

Se sei interessato ad un percorso di coaching personalizzato puoi contattare Andrea Anilonti a questo indirizzo: info@anilonti.it

Share Button

Potrebbe interessarti anche


Lavoro e Formazione










Cerca Lavoro



Cerca Corsi e Master



Cerca Franchising



Cerca News



Cerca Eventi



Cerca B2B