Cerchi lavoro? Cerchi un Corso o un Master? Vuoi metterti in proprio? Sei nel posto giusto, inizia subito la tua ricerca gratis

21 ottobre 2018 Elimina data

20 novembre 2018 Elimina data

Come mettersi in proprio: Guida al Franchising

Mettersi in proprio è un’opportunità che molti valutano e scelgono soprattutto oggi.

Come valutare nuove opportunità di avviare un’impresa per migliorare la propria vita personale e professionale o semplicemente per guadagnare di più?

 

Improvvisarsi oggi e avviare un’attività in proprio da soli risulta  difficile soprattutto se non si possiede un’ esperienza specifica nel settore, bisogna allora rivolgersi a chi è in grado di offrire un pacchetto business consolidato che segua e affianchi il nuovo imprenditore in tutte le fasi così da rendere facile l’apertura della nuova attività o del negozio e soprattutto in grado di proporre un negozio e un’attività che poi funzioni! “

Hai mai pensato di avviare un’impresa in franchising?

Aprire un negozio in franchising, un centro di servizi o una qualsiasi attività ti permette di avere meno rischi grazie alle formule già collaudate delle aziende franchising.

In questo articolo approfondiremo il tema del franchising, una formula di collaborazione fra due figure professionali, molto diverse tra loro: l’imprenditore e l’azienda madre. Questa particolare collaborazione permette ad entrambe le figure di sostenere la gestione di un’impresa, anche in periodo di crisi economica.

Leggi anche Mettersi in proprio col franchising. Una soluzione per chi vuole ricominciare e per i millennials.

  • Che cos’è il franchising?

Il franchising, chiamato anche affiliazione commerciale, è un particolare tipo di collaborazione, ritenuta particolarmente indicata soprattutto per chi decide di aprire una nuova impresa o una nuova attività commerciale. Questo tipo di affiliazione prevede due figure professionali predefinite: il franchisor e il franchisee.
Secondo il contratto di franchising, il franchisor concede alla figura del franchisee tutti i diritti per poter commercializzare i suoi prodotti o i suoi servizi. Il franchisor è definita anche come l’azienda madre, cioè la figura che mette a disposizione il suo marchio, il suo know how e che cerca nuovi affiliati per poter ampliare la sua rete d’impresa; il franchisee, invece, è quella figura che decide di aprire una nuova impresa e che vuole utilizzare un marchio già stabilizzato sul mercato.
fonte: web

fonte: web

  • Quali sono i vantaggi del franchising?

I vantaggi di questa scelta sono molteplici. Dalla parte del franchisor, infatti, c’è la sicurezza di ampliare la propria azienda in tempi decisamente brevi rispetto ad uno sviluppo tradizionale. Per il franchisee. il nuovo imprenditore che decide di affiliarsi ad un franchising, è importante la presenza di un marchio consolidato sul mercato e avere quindi la possibilità di utilizzare tutte le competenze dell’azienda madre. Ciò riduce automaticamente, per l’affiliato, il rischio d’impresa.
  • Come si entra in una rete di franchising?

Se la domanda di entrata viene accettata dal franchisor, inizialmente il franchisee deve sostenere una spesa iniziale, cioè l’investimento iniziale. Questo costo dipende dal marchio con cui si entra in contatto: infatti ogni franchisor stabilisce delle regole in base alle esigenze del caso sia per quanto riguarda l’investimento iniziale, sia per le altre spese. Ad esempio, alcuni franchisor decidono di sostenere le spese di arredamento. Altre spese a cui si può andare incontro sono:
  • spese di gestione ( fra cui il personale e le aperture nei giorni festivi)
  • contributi per servizi pubblicitari
  • Royalties che il franchisee deve versare periodicamente al franchisor.

Vi è una costante ricerca, da parte di chi vuole mettersi in proprio, verso format accessibili con bassi costi d’avvio o verso franchising che offrono agevolazioni di pagamento o finanziamenti.

E’ in corso un finanziamento a fondo perduto fino al 35% che si chiama Resto al Sud.

Sono degli incentivi per under 35 del Mezzogiorno, ovvero i finanziamenti fino a 40 mila euro con quota del 35% a fondo perduto e prestito restante a tasso 0 per chi desidera avviare attività imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno sono ancora disponibili.
Il provvedimento, varato con decreto legge n.91 del 20 giugno 2017, è rivolto agli imprenditori under 35 residenti nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Leggi maggiori informazioni qui

  • Quali sono gli aspetti burocratici?

In alcuni settori, come può essere per esempio per il campo della ristorazione, sono presenti molti step burocratici per le autorizzazioni. Inoltre, molto spesso le leggi per il business d’azienda cambiano da regione a regione, quindi non c’è un iter burocratico che vale per tutte le attività imprenditoriali del franchising.
  • Cosa fare per scegliere il franchisor più adatto?

Scegliere l’azienda più adatta non è semplice e non deve essere una scelta affrettata. Innanzitutto bisogna capire il proprio profilo imprenditoriale,successivamente è importante capire quali leggi vigono sul territorio. Capire quali sono le tendenze di mercato nel territorio in cui si vuole aprire un’attività è necessario ed è consigliato anche approfondire quali sono i brand specifici che, sul territorio, piacciono di più.

Comincia da qui ricerca e valuta la tua attività per settore e investimento

Left Menu Icon
Right Menu Icon