Galdus Incontra Il Gioiello, 21 Marzo 2018 - Auditorium Galdus Milano, 9.30 - 17.00. - Settore Formazione
Pubblicata il 13/03/2018
Per la prima volta grazie alla scuola professionale Galdus, sezione Oreficeria, la Fondazione Gianmaria Buccellati, le aziende Pomellato e Swarovski ed il Maestro orafo Konrad Laimer raccontano la loro storia e quella delle collezioni a cui hanno dato vita. Evento ideato e curato dalla storica e critica del gioiello Bianca Cappello.

Milano, 13 marzo 2018 - Una scuola orafa professionale di eccellenza e prestigiosi marchi del gioiello internazionale per creare un dialogo nuovo, aperto a tutta la città di Milano, da cui nasce un evento unico dal titolo Galdus incontra il Gioiello. Nel primo giorno di primavera, un eccezionale parterre di relatori tra cui Paola Venturelli per la Fondazione Gianmaria Buccellati, Veronica Castelli e Gionata Tomasoni per Pomellato,  Claudio Marcolli perSwarovski ed il Maestro orafo Konrad Laimer raccontano la loro visione del mondo del gioiello e dell'oreficeria agli studenti, agli addetti ai lavori e agli appassionati di questo settore in un inedito momento conoscitivo e un’importante occasione di dialogo.

Il 21 marzo 2018 dalle ore 9.30 alle ore 17.00, le aziende e i professionisti parlano dei trend del settore, delle loro produzioni e della storia che ha caratterizzato il loro sviluppo. Un’occasione importante per conoscere più a fondo un settore affascinante fatto di creatività e di grande maestria artigianale.  

Galdus incontra il Gioiello è un momento di dialogo possibile perché da oltre un decennio la scuola professionale Galdus è l’unica a fornire a Milano la formazione in “Lavorazioni Artistiche e Oreficeria”, il percorso ideale per  tutti i giovani che, dopo la terza media,  intendono intraprendere questo antico e nobile mestiere, che offre varie possibilità di sbocco professionale. Ogni anno al corso triennale sono ammessi venticinque studenti appassionati e affascinati dal laboratorio artistico che si cimentano nell’arte orafa fino alla qualifica del terzo anno. Sono molte le imprese che investono sui giovani da dieci anni a questa parte quando è partito il corso e da quando a fine 2016 è stato avviato l’apprendistato di primo livello che consente ai giovani under 25 di lavorare conseguendo un titolo di studio.

I giovani che escono dal settore orafo di Galdus vengono assunti da imprese artigiane e commerciali del settore, nelle mansioni di banchetto e nei lavori di ufficio o di servizio al cliente.  

Il curatore scientifico di Galdus incontra il Gioiello è Bianca Cappello, storica e critica del gioiello, docente di Storia dell’Arte e del Gioiello presso Galdus e del corso di History of Costume Jewellery Design presso l'Istituto Europeo di Design di Milano, curatore di mostre per Enti pubblici in Italia e all'estero e autrice di pubblicazioni attorno al mondo del gioiello. “Questa è un'occasione importante e straordinaria – dice Bianca Cappello – perché alcune tra le più importanti attività del mondo del Gioiello hanno accettato il nostro invito investendo il loro sapere ed il loro tempo sugli studenti del Settore Lavorazioni Artistiche e Oreficeria di Galdus ma anche sul pubblico degli addetti ai lavori e degli appassionati di questo affascinante argomento, per condividere la loro esperienza e raccontare una professionalità riconosciuta universalmente. Questo evento è destinato a tutta la città e in particolare alle giovani generazioni affinché possano conoscere da vicino questo importante ambito e le sue dinamiche”. Nicoletta Stefanelli, Direttore del settore orafo di Galdus, aggiunge: “Nella nostra scuola, abbiamo sempre costruito relazioni significative con Maestri della professione, imprese e Associazioni di Categoria, che – grazie alla loro esperienza – sono in grado di costruire con noi percorsi formativi adatti ai tempi e di fornire ai giovani quelle conoscenze tecniche che li rendono più competitivi nell’attuale mercato del lavoro”.  

Fondazione Gianmaria Buccellati

Voluta da Gianmaria Buccellati nel 2008 la Fondazione nasce per promuovere i valori estetici, il saper fare e la storia delle creazioni Buccellati, famose da oltre un secolo in tutto il mondo, assieme allo studio e alla ricerca delle tecniche orafe e incisorie antiche. Nel primo decennio di attività la Fondazione Gianmaria Buccellati ha collaborato con alcuni dei più prestigiosi musei ed istituzioni culturali in Italia e all’estero promuovendo la sua importante collezione di gioielli formata da oggetti preziosi e disegni preparatori originali a firma di Mario e Gianmaria Buccellati.  

Pomellato

Fondata a Milano nel 1967, Pomellato si distingue per il suo design unico ed esclusivo, che unisce eccellenza artigianale e spirito contemporaneo. Simbolo di eleganza senza tempo, il brand è stato il primo a infondere la visione del prêt-à-porter nel mondo della gioielleria, conferendo un significato totalmente nuovo alla tradizione classica. Interamente realizzate a mano da orafi esperti, le creazioni Pomellato esaltano le gemme colorate attraverso tecniche di taglio e incastonatura estremamente innovative, che nel tempo ne hanno definito lo stile iconico e inconfondibile.  

Swarovski

Dal 1895 Swarovski è il marchio di riferimento per gli elementi di cristallo più pregiati, riconosciuto per l’eccellenza innovativa e le collaborazioni internazionali con i creativi più conosciuti dei settori moda, gioielli, accessori, architettura d’interni ed illuminazione. Swarovski, azienda gestita da membri della famiglia da oltre cento anni, con profondi valori di integrità, rispetto ed eccellenza, è rinomata sia per la sua etica commerciale sia per il talento artistico e innovativo. Il fondatore Daniel Swarovski credeva fermamente nel benessere non solo dei dipendenti, ma anche dell’ambiente e della società tutta. La sua visione è fonte di ispirazione ancora oggi. Per una multinazionale questo vuol dire giocare un ruolo strategico all’interno della società, agendo con responsabilità.  

Konrad Laimer

Artista orafo di origine alto atesina, dal 1976 Laimer lavora tra Salisburgo, Francoforte, Russia e Stati Uniti promuovendo l’arte del Gioiello Contemporaneo ma tornando sempre alla sua terra di origine, le montagne dell’Alto Adige, da cui trae la massima ispirazione sia per i soggetti che per i materiali dei suoi gioielli. La sua esperienza decennale nel settore dell’oreficeria è un racconto che ha profonde radici nel territorio ma larghe grandi vedute grazie ad un costante dialogo con paesi culturalmente molto diversi tra loro.    

La scuola professionale Galdus

In sinergia con circa 2.000 aziende del territorio, la scuola professionale Galdus si rivolge a oltre 1200  giovani che hanno concluso la terza media preparandoli ad un mestiere in 9 settori professionalizzanti (ristorazione, oreficeria, cura del verde e zoo garden, informatica e sistemi elettrici ed elettronici, amministrazione e gestione eventi). La didattica si sviluppa in tre anni, a seguito dei quali si consegue la qualifica con la possibilità di proseguire il quarto anno per il diploma tecnico-professionale e accedere a un percorso di maturità statale. Dal primo anno, il 30% delle ore scolastiche è di formazione tecnica e di laboratorio con professionisti del mestiere, dal secondo anno gli allievi svolgono 300  ore di stage in azienda. Completano il percorso un’attenta preparazione culturale, testimonianze di imprenditori, uscite didattiche, la partecipazione ad eventi e concorsi. Ai giovani tra i 15 e i 25 anni, la scuola offre inoltre la possibilità di conseguire un titolo di studio lavorando grazie all’apprendistato di primo livello, un contratto di lavoro che prevede periodi di formazione a scuola e on the job, in impresa. Il 93% dei ragazzi in uscita da questo esercizio ha trovato una positiva collocazione nel mondo del lavoro o dell’istruzione.















comments powered by Disqus

Cerca Lavoro



Cerca Corsi e Master



Cerca Franchising



Cerca B2B



Cerca Eventi