HOME | CHI SIAMO | NEWSLETTER | PUBBLICITA' SU QUESTO SITO | PRESENTAZIONE FORMAZIONE | PRESENTAZIONE FRANCHISING | CONTATTI | Seguici su Facebook    Seguici su Twitter

IL CONSULENTE DEL LAVORO



Il Consulente del lavoro svolge una serie di attività connesse alla gestione del personale erogando servizi, soprattutto, per le piccole e medie imprese. Questa figura professionale, disciplinata dalla legge n. 12 del 1979, "Norme per l'ordinamento della professione di consulente del lavoro", può esercitare soltanto se iscritta nell'apposito albo dei Consulenti del lavoro.
Il Consulente svolge i seguenti compiti:

  • informazione sugli adempimenti in materia di lavoro, previdenza ed assistenza sociale dei lavoratori;
  • tenuta del libro matricola, libro paga e prospetti paga;
  • denuncia dei lavoratori occupati agli uffici INPS e INAIL e agli uffici del Ministero del Lavoro;
  • studio e gestione dei criteri e delle modalità di retribuzione;
  • selezione e formazione del personale;
  • soluzione delle controversie di lavoro.

Il Consulente del lavoro è, dunque, un professionista abilitato ad esercitare le attività appena descritte, ma l'esercizio della professione è comunque consentito anche agli avvocati e ai procuratori legali, ai dottori commercialisti, ai ragionieri e ai periti commerciali. Accade spesso, quindi, che questi professionisti affianchino, allo svolgimento delle loro specifiche attività, anche quelle di Consulente del lavoro.


COMPETENZE

Il Consulente deve possedere conoscenze generali di tipo giuridico-amministrativo e contabile, orientate in modo particolare ai temi del lavoro. Le competenze specifiche tecnico-professionali comprendono:

  • la capacità di interpretare le norme retributive, fiscali, previdenziali e assistenziali, relative al rapporto di lavoro;
  • la capacità di applicare gli adempimenti previsti per legge, nonché di fornire informazioni ai clienti.

Poiché il Consulente può svolgere anche un'attività di selezione del personale, deve saper esaminare le esigenze dell'impresa, stilare un profilo e condurre un colloquio di selezione.
Tra le competenze trasversali appaiono molto importanti la comunicazione interpersonale, la capacità di analisi, l'orientamento al cliente e il problem solving.


FORMAZIONE

Per esercitare la professione di Consulente del lavoro è obbligatorio il possesso della laurea (Giurisprudenza, Economia e commercio, Scienze politiche, Sociologia, Scienze economiche e marittime, Commercio internazionale e mercati valutari) o del diploma di scuola media superiore, nonché il praticantato di almeno due anni presso un Consulente del lavoro iscritto all'albo, che consenta di sostenere l'esame di abilitazione all'esercizio della professione. L'esame si svolge annualmente in ogni capoluogo di regione presso la sede dell'Ispettorato Regionale del Lavoro. Va sottolineato che per esercitare la professione al livello prefigurato incidono notevolmente l'esperienza e l'apprendimento "on the job".


CARRIERA
 

E' possibile che da posizione interna all'area della gestione delle risorse umane, l'aspirante professionista possa avviare un'attività libera come Consulente del lavoro.


SITUAZIONE DI LAVORO  

Si tratta di una figura che opera come libero professionista. Durante il suo lavoro, intrattiene relazioni con i clienti e con altre figure professionali operanti in diverse organizzazioni (INPS, INAIL, ecc.). Il Consulente utilizza normalmente software specifici destinati all'amministrazione del personale.


TENDENZE OCCUPAZIONALI

Si può ritenere che i servizi offerti dal Consulente del lavoro continueranno a rimanere essenziali, in particolare, per il sistema delle piccole e medie imprese, che caratterizza la struttura produttiva italiana. Quindi la richiesta di questa figura rimarrà sostanzialmente costante.


FIGURE PROFESSIONALI PROSSIME

Il Dottore commercialista e il Ragioniere sono le due figure professionali prossime. L'Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT) colloca il Consulente del lavoro nella professione "Specialisti dei problemi del personale, della formazione sul lavoro, dell'orientamento e dell'organizzazione del lavoro".

 

 

 

 

 

Fonte: Istituto per lo Sviluppo della Formazione Professionale dei Lavoratori
http://orientaonline.isfol.it/