Ricerca Universitaria

La ricerca universitaria riveste, ovviamente, un ruolo importante per il raggiungimento di traguardi fondamentali per il progresso tecnologico e non solo. Ma affinché ciò sia possibile è necessario che ogni governo destini alla ricerca fondi sufficienti per il perseguimento di tale progresso. L'Italia, diversamente dalla maggior parte degli Stati economicamente avanzati, investe nella ricerca una quota insufficiente del proprio bilancio. Ciò provoca un’emorragia dei laureati maggiormente capaci verso altri Stati dove la ricerca assume carattere di forte spinta per l’innovazione. Fenomeno, questo, che si è soliti definire “ fuga dei cervelli”. In realtà, con l’ex Ministro dell’università, Letizia Moratti, si è assistito ad un’inversione di tendenza attraverso politiche che favorissero il ritorno delle “migliori menti" fuoriscite dall‘Italia. Da ciò è scaturito il potenziamento del programma denominato “rientro dei cervelli”, sono stati potenziati i progetti di ricerca di interesse nazionali e, inoltre, sono stati incrementati  i finanziamenti per i centri di eccellenza.




* Dottor Giulio Pisani - Responsabile Area Università

Cerca Lavoro



Corsi/Formazione



Ricerca Franchising



Cerca B2B



Cerca Eventi



Cerca News