Lo Stagista

Contrariamente a quanto previsto dai decreti-legge non convertiti, l’articolo 18 della legge 196/97 non identifica con precisione i possibili utenti dello strumento-tirocinio limitandosi a mettere un solo vincolo.
Possono infatti essere soggetti di tirocinio solo coloro che abbiano assolto l’obbligo scolastico. Il tenore della norma consente comunque di individuare i potenziali stagisti, anche se a maglie larghe.
Si tratta innanzitutto di giovani coinvolti nel circuito scolastico, università e sistema di formazione professionale. Sono quindi gli studenti, ma anche i qualificati, diplomati e laureati. Sono però da considerare potenziali utenti anche i soggetti in cerca di occupazione (disoccupati o inoccupati).
In questo caso viste le evidenti finalità di contatto con il mondo del lavoro, lo stage dovrebbe essere promosso solo dai centri di formazione, dalle Agenzie regionali per l’impiego, dagli Uffici provinciali del ministero del Lavoro, dalle comunità terapeutiche e dalle cooperative sociali. 

Le imprese del Centro e del Nord che ospitano in stage giovani del Mezzogiorno possono ottenere il rimborso degli oneri relativi alla realizzazione del tirocinio, incluse le spese per il vitto e l’alloggio.
La disposizione introdotta dall’articolo 18 della 196/97 trova conferma nel regolamento che nell’articolo 9 rimanda ad appositi decreti del ministero del Lavoro la descrizione delle modalità per i rimborsi.

Tempi (articolo 7): la durata massima è di :
- quattro mesi per i disoccupati e gli inoccupati e per gli studenti della scuola secondaria;
- dodici mesi per gli universitari ;
- ventiquattro mesi per i portatori di handicap.

 

 


 

Fonte: www.jobtel.it/biblioteca_formazione

Cerca Lavoro



Corsi/Formazione



Ricerca Franchising



Cerca B2B



Cerca Eventi



Cerca News