Disoccupati

Una conferma importante, poi, arriva sul fronte dei disoccupati: anche loro, insieme agli inoccupati potranno essere utenti di stage. In questo caso saranno le Agenzie per l’impiego e gli uffici del Lavoro a doversi attivare. Un occhio attento è dedicato al Mezzogiorno.
Si cerca infatti di favorire il contatto tra giovani del Sud e imprese del Centro e del Nord riconoscendo il rimborso totale o parziale delle spese sostenute dall’impresa per il vitto e l’alloggio dello stagista.
Per il resto il regolamento fissa (articolo 1) il numero massimo dei tirocinanti in rapporto al numero degli addetti dell’impresa.
Individua, poi, i soggetti promotori e definisce i tempi massimi di durata dello stage: 12 mesi per gli studenti universitari, 6 mesi per gli inoccupati, disoccupati inclusi gli iscritti nelle liste di mobilità, quattro mesi per gli studenti delle scuole secondarie e 24 per i portatori d’handicap. Infine, viene stabilito a carico dell’ente promotore il pagamento dell’assicurazione Inail e viene stabilito che l’impresa debba avere in azienda un tutor che segua i tirocinanti.
Gli ultimi articoli poi rinviano a provvedimenti successivi per la definizione dei rimborsi degli oneri finanziari connessi allo stage. L’ultimo articolo (art.10) abroga le disposizioni precedenti.

 

 

 

Fonte: www.jobtel.it/biblioteca_formazione

Cerca Lavoro



Corsi/Formazione



Ricerca Franchising



Cerca B2B



Cerca Eventi



Cerca News