HOME | CHI SIAMO | NEWSLETTER | PUBBLICITA' SU QUESTO SITO | PRESENTAZIONE FORMAZIONE | PRESENTAZIONE FRANCHISING | CONTATTI | Seguici su Facebook    Seguici su Twitter

Come avviare un negozio di bigiotteria


Anelli, orecchini, bracciali, argentati, dorati, con pietre dure, perle. Tutto rigorosamente “finto”, ovviamente. Design di moda, forme originali, infinità di colori, per riuscire a soddisfare i gusti di tutte le donne, giovani e meno giovani, anche in base alle stagioni e ai trend che impone la moda. La gamma dei prodotti offerti in negozio deve garantire un buon rapporto qualità/prezzo, nel pieno rispetto dell’utilizzo di materiali anallergici per evitare problemi di intolleranze ed infezioni.
Anche la cura dei particolari nei bijoux messi in vendita deve essere massima, affinché, soprattutto quelli rivolte alle signore, siano sempre più simili agli articoli che si trovano nelle vetrine delle oreficerie o delle gioiellerie di città.

Come avviare un negozio di bigiotteria

Oltre all’assortimento e alla qualità dei prodotti in vendita, il successo di questa iniziativa imprenditoriale è fortemente legato alla scelta di una localizzazione indovinata.
Gli articoli trattati in genere hanno prezzi medi piuttosto bassi, nell’ordine di 5-10/15 euro cadauno, per cui, anche con ricarichi decisamente interessanti fino a più del 100% sul costo di acquisto della merce, è necessario poter contare su tanti scontrini a fine giornata per garantirsi un volume d’affari soddisfacente che consenta di coprire i costi di gestione dell’attività e di generare un congruo utile d’esercizio, per ripagare adeguatamente il lavoro svolto, i capitali investiti ed  il rischio d’impresa.
Per questo è consigliabile avviare un’attività di questo tipo in un punto di forte passaggio, nei centri storici cittadini, meglio se in zone pedonali, o nei centri commerciali che stanno sorgendo un po’ ovunque. Non servono grosse superfici, possono bastare anche 40/50 mq, in locali che devono essere luminosi e funzionali, con prodotti il più possibile a vista e con i prezzi chiaramente esposti.
Per ampliare la gamma dei prodotti offerti, servire una clientela più vasta e, non ultimo, incrementare i guadagni, sono molti i negozi di bigiotteria che prevedono anche la vendita di accessori moda dalle borse ai foulard, dalle sciarpe agli occhiali ai portafogli. Un mercato dalle altrettante buone potenzialità, visto l’impiego sempre maggiore che fanno di questi articoli le ragazze giovani.
Se si ha intenzione anche di proporre l’oreficeria, per la fornitura della merce in oro è bene valutare l’opportunità di approvvigionarsi da qualche grossista disposto a concedere almeno inizialmente la merce in conto vendita, per cui ci si accorda che la merce verrà pagata al fornitore solo se e quando si riuscirà a venderla. Un modo per esporre in negozio articoli in oro, senza peraltro aver dovuto sostenere a priori l’investimento necessario per l’acquisto della merce.
Un’idea valida soprattutto nella fase di start – up dell’impresa quando ci sono già tante altre spese da sostenere per l’allestimento del negozio. Un negozio di bigiotteria e piccola oreficeria. Per un regalo o per uno sfizio personale, sono sempre di più le donne giovani e non che preferiscono l'acquisto di articoli di bigiotteria a quelli più preziosi in oro. Per cambiarne spesso spendendo meno. Un'attività che può essere avviata con un investimento abbastanza contenuto e che se può produrre un buon reddito se si riescono ad offrire assortimento, qualità e prezzi convenienti.

VUOI AVVIARE UN NEGOZIO DI BIGIOTTERIA TUTTO TUO?

Clicca qui per dar forza alle tue idee con il KIT Creaimpresa “Come avviare un negozio di bigiotteria”

Comodamente a casa tua, Lavoro e Formazione in collaborazione con Creaimpresa, ti offre
tutto quello che ti serve per creare, subito e facilmente,il tuo negozio di bigiotteria di successo.

Kit fare impresa